di Gi Elle

Dopo tanti anni, il Sacello che custodisce i resti dei 33 martiri di Torlano aveva bisogno di un intervento di restauro. E questo è stato fatto, con un ottimo risultato, in queste settimane, proprio in vista della cerimonia di stamani a 75 anni da questi tragici fatti dell’ultima guerra.
“Avrete sicuramente notato – ha detto il sindaco Gloria Bressani – la nuova luce del Monumento dedicato alle vittime dell’Eccidio, impossibile entrare nel cimitero senza che lo sguardo non si posi sulla grande lastra di marmo con la lunga lista di nomi le cui lettere sono state estratte una ad una da un foglio di piombo seguendo la lavorazione originale. Solo un mese fa tutto era ricoperto da un velo grigio depositatosi negli anni che lo rendeva fuso nell’ambiente circostante, quasi nascosto. Oggi il Monumento con la sua luce ci grida di non dimenticare i Caduti di tutte le guerre; di ricordare e onorare il loro sacrificio, di farci portavoce di messaggi di pace, dialogo e coesione soprattutto con le nuove generazioni. Non lasciamo che si depositi sulle nostre coscienze lo stesso grigiume che c’era sulla pietra, guardiamo con occhio umile e attento al passato, mettiamoci personalmente in gioco per costruire un presente che ci proietti con responsabilità nel futuro”.
Il sindaco ha quindi avuto parole di riconoscenza per quanti hanno collaborato per dare al Sacello un volto più decoroso e consono alla sua importanza. “Ringrazio – ha concluso Gloria Bressani – le signore Bazzaro che hanno partecipato alla sistemazione del Monumento, assieme all’Amministrazione, finanziando il restauro delle catene, e la signora Antonella Bozzato, che si è fatta loro portavoce, il signor Cattarino ed i nostri ‘battirame’ Ivano e Fabio Comelli che con grande professionalità hanno eseguito le lavorazioni ottenendo un ottimo risultato”.

—^—

In copertina, il Sacello delle 33 vittime dell’Eccidio dopo il restauro.

, , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento