di Gi Elle

Il Coronavirus si abbatte come un uragano sul mondo cooperativo, tanto da mandare in cassa integrazione – cose mai viste, neanche dopo la crisi economica del 2008 – il 40 per cento degli addetti, seimila tradotti in numeri assoluti. Insomma, una vera paralisi dai drammatici risvolti economici e umani. Una situazione pesante che viene esposta, in tutta la sua gravità, da Confcooperative Fvg, la principale organizzazione del settore con 600 associate in Friuli Venezia Giulia e 15 mila addetti (sono 18.500 le cooperative in tutta Italia). Anche perché a preoccupare moltissimo è la stagione estiva sulla quale incombono nubi minacciose soprattutto per quanto riguarda il turismo.
Secondo le stime di Confcooperative, da una ricognizione tra le imprese maggiormente interessate, il numero di addetti coinvolti è appunto di circa 6 mila su 15 mila, il 40 per cento del totale, con punte che superano il 50 nella cooperazione sociale e in alcuni comparti totalmente bloccati, come turismo, cultura, ristorazione e trasporto persone. Una conferma più precisa si avrà nelle prossime settimane con la presentazione delle ultime domande di accesso agli ammortizzatori sociali (Cassa ordinaria o in deroga o analoghi strumenti previsti per il terziario, come il Fondo di Integrazione salariale) per quelle imprese che hanno sospeso l’attività dopo altre.

Giuseppe Graffi Brunoro

«In ogni caso, mai si erano visti numeri di queste proporzioni: si registrano cali del fatturato che oscillano tra il 20 e il 100 per cento (nei casi più drammatici di blocco totale delle attività), basti pensare alle cooperative che agiscono nel settore turistico, culturale, della ristorazione, alberghiero e del traporto», sottolinea Giuseppe Graffi Brunoro, presidente dell’associazione cooperativistica.
«A fine aprile diverse cooperative avranno già esaurito le 9 settimane di cassa integrazione previste. Serve un intervento urgente. C’è fortissima preoccupazione per i tempi e le modalità di ripartenza: in alcuni settori si rischia di perdere, di fatto, l’intera stagione 2020. È già accaduto per il settore del turismo scolastico, ora rischia di risentirne tutto il resto del turismo e della filiera educativa – evidenzia il segretario generale di Confcooperative, Nicola Galluà -. Risulta evidentemente fondamentale pensare a un sostegno economico una-tantum per il 2020 per il mantenimento dei livelli occupazionali aziendali rispetto all’anno precedente e a un potenziamento dei bonus per le stabilizzazioni dei lavoratori». E questo, dunque, da subito. Già in vista di quella Fase 2 di cui tanto si parla e che dovrebbe segnare la tanto auspicata ripresa dopo questi due mesi di blocco pressoché totale.

—^—

In copertina, la produzione di mascherine in una cooperativa sociale del Friuli Venezia Giulia.

Hits: 102

, , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento