Semplificare la burocrazia, rilanciare lo sviluppo del Paese aiutando le imprese a crescere e a dispiegare tutte le loro potenzialità e creare una nuova cultura che consideri imprese e imprenditori un valore aggiunto in grado di creare ricchezza e occupazione a beneficio di tutti. Sono questi alcuni degli elementi dell’intervento che l’assessore alle Attività produttive del Friuli Venezia Giulia, Sergio Emidio Bini, ha tenuto a Palmanova, in occasione dell’assemblea regionale di Confcooperative Fvg, di cui quest’anno ricorre il centenario.
“Se vogliamo davvero rilanciare il Paese – ha spiegato Bini – dobbiamo iniziare dall’economia, fare in modo che imprese e imprenditori siano considerati un valore aggiunto in grado di creare ricchezza e posti di lavoro. Le nostre imprese hanno enormi potenzialità di sviluppo, ma dobbiamo agire su una burocrazia che rende difficile l’operatività quotidiana per aiutarle a crescere e a competere con sempre maggior efficacia all’interno di un mercato globale”.

“E’ dimostrato – ha aggiunto l’assessore – che abbassando la pressione fiscale, semplificando la burocrazia si liberano energie importanti che hanno ricadute positive sullo sviluppo produttivo. La Regione è impegnata su questa direzione – ha detto l’esponente della Giunta Fedriga – e proseguirà ad attivarsi anche con il prossimo SviluppoImpresa, affinché il livello di competitività del territorio aumenti”.
Bini ha sottolineato l’importanza della cooperazione che rappresenta una parte del settore economico italiano e del Friuli Venezia Giulia di tutto rispetto, con numeri rilevanti, come quelli illustrati da Confcooperative Fvg con le sue 594 associate che producono 1 miliardo di euro di fatturato, registrano 128 mila soci e 15.758 occupati (per l’87 per cento a tempo indeterminato): 1 abitante ogni 8 è socio di una coop aderente a Confcooperative Fvg. L’assessore ha poi rilevato come il mondo cooperativo contribuisca significativamente alla crescita occupazionale.

A Palmanova si sono riuniti i rappresentanti delle quasi 600 cooperative che aderiscono a Confcooperative Fvg (la principale organizzazione di rappresentanza delle imprese cooperative in Italia), di cui quest’anno, come si diceva, ricorre il centenario. «È fondamentale affrontare con efficacia e strumenti adeguati l’emergere di situazione di crisi nelle aziende regionali – è la preoccupazione che ha evidenziato il presidente, Giuseppe Graffi Brunoro – perché un intervento tempestivo può consentire di salvare centinaia di posti di lavoro. In questa direzione si muovono le regole stabilite dal Codice delle Crisi che entrerà in vigore fra pochi mesi, sul quale ci siamo confrontati e che interessa anche le imprese cooperative».
Il prefetto Michele Penta, coordinatore dell’Osservatorio regionale antimafia, ha suggerito di mantenere gli occhi aperti sul tema poiché, ha detto, il Friuli Venezia Giulia non è un’isola felice (già dal 1989, Paolo Borsellino segnalò la presenza stabile della criminalità organizzata su questo territorio) e il riciclaggio di denaro sporco, a esempio, usa come testa d’ariete proprio le situazioni di crisi aziendale per ripulire i guadagni illeciti e farli rientrare nell’economa legale. Ai lavori su “La riforma della disciplina delle crisi nelle imprese cooperative” sono anche intervenuti: Tonj Della Vecchia (del Servizio Legislativo di Confcooperative nazionale); Laura Iacone (del Ministero dello Sviluppo economico) e Dino Fabris (di Confcooperative Fvg).

L’assemblea ha fornito anche l’occasione per la consegna ai partecipanti del volume fotografico curato dall’Ansa in collaborazione con Confcooperative per raccontare la storia dell’organizzazione e dello sviluppo del movimento cooperativo italiano. Nel libro di 140 pagine corredato da foto di grande pregio, provenienti dagli archivi delle cooperative italiane, trovano posto quattro cooperative del Friuli Venezia Giulia: Secab di Paluzza che guadagna la copertina del volume con una foto del 1913 rappresentante l’inaugurazione della centrale idroelettrica del Fontanone, la Cooperativa di consumo di Premariacco, la cantina viticoltori La Delizia di Casarsa e l’Immaginario scientifico di Trieste.

—^—

In copertina e qui sopra l’intervento dell’assessore Bini, che ha accanto Graffi Brunoro e il prefetto Penta.

, , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento