Dopo il bronzo di Chieti e Forlì e l’argento di Ancona, la formazione della ginnastica ritmica dell’Associazione Sportiva Udinese è pronta a scendere in pedana per la Final Six che si disputerà al Pala Gianni Asti di Torino il 6 e 7 aprile, quando sarà assegnato lo scudetto di serie A1. «Ci aspettiamo il massimo da tutte, perché è il massimo che hanno dimostrato fino a oggi. Lo staff e le atlete hanno affrontato la stagione intera in maniera impeccabile e per questo meritano tutto il nostro sostegno, soprattutto in occasione di un evento che, a suo modo, è il compendio della stagione della nostra accademia. È per questo che saremo presenti per sostenere e supportare tanto impegno e sacrificio», ha affermato il direttore generale di Asu, Nicola Di Benedetto, che sarà presente in prima persona a Torino.
Tornando alla gara, per stabilire quali saranno le sfidanti dirette, le prime tre classificate dopo Regular Season, nelle scorse settimane, sono state inserite in tre gironi e abbinate, a sorteggio, alla quarta, quinta e sesta classificata. L’Asu, nel girone B, sfiderà Forza e Coraggio di Milano. Nel girone A si affronteranno Ginnastica Fabriano e Armonia d’Abruzzo di Chieti; il girone C vedrà confrontarsi, invece, la Raffaello Motto di Viareggio e San Giorgio ’79 Desio. Tutta la gara sarà trasmessa in diretta su Sportface Tv a partire dalle 14.15 domenica 7 aprile.
«Possiamo dirci contente del sorteggio, anche se è bene precisare che quest’anno non ci sono le avversarie facili. Forza Coraggio ha in squadra, come prestito straniero, l’ungherese Fanni Pigniczki, terza al cerchio negli ultimi mondiali; e Viola Sella, terza agli assoluti. Sono certa che le ragazze ce la metteranno tutta in pedana, come del reso hanno fatto nelle prime tre gare. I loro esercizi sono particolarmente competitivi, ma ciò significa (e questo è il rovescio della medaglia) che sono anche carichi di rischi e difficoltà. Ogni minima distrazione può mettere a rischio il risultato finale», ha commentato Špela Dragaš, che allena la squadra friulana con Noelia Fernandez, Valeria Pysmenna e il supporto della coreografa Laura Miotti.
Al nono anno consecutivo in serie A1 (la prima volta è stata nel 2015), la ritmica dell’Associazione Sportiva Udinese, quest’anno ha visto la squadra parzialmente rinnovata e formata da ginnaste che hanno già rappresentato l’Italia in campo internazionale. A Tara Dragaš (anno 2007, milita in serie A dal 2017 e dal 2023 è senior) e Isabelle Tavano (sempre anno 2007, a sua volta senior dal 2023, in serie A dal 2020), già reduci del primo assoluto come senior, si unisce le neo senior Gaia Mancini (anno 2008 e neo-senior da quest’anno, in serie A dal 2022) che hanno rappresentato l’Italia l’anno scorso in numerose gare junior. L’ultima in ordine di tempo, lo scorso dicembre ai Giochi del Mediterraneo. Riserva in questo 2024 sarà Noemi Carino, giovanissima neo junior (del 2011, ginnasta molto promettente e componente del gruppo scelto nazionale). In quanto al prestito straniero, si tratta sempre di Anastasia Simakova, ginnasta tedesca del 2004 che l’anno scorso ha contribuito ai podi ottenuti in serie A1 e quest’anno, in Final Six, potrà scendere in pedana sia nella semifinale che nella finale.

—^—

In copertina, Isabelle Tavano dell’Asu al campionato disputato ad Ancona.

Views: 3

, , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento