di Gi Elle

“In Russia, il nostro Guido era stato accolto in un’isba facendosi così benvolere che la coppia che lì viveva, avendo perso l’unico figlio, voleva adottarlo. Ma Guido volle tornare in Friuli per riabbracciare la sua mamma che aveva lasciato in lacrime“. E’ un toccante, e certamente poco noto, episodio rievocato da monsignor Duilio Corgnali, arciprete di Tarcento, durante il funerale del cavalier Guido Coos, reduce di Russia e presidente onorario della Cooperativa agricola di Ramandolo, il paese dove era nato nel 1921.

La cerimonia d’addio è avvenuta in un duomo gremito, presenti molte penne nere, in armi e in congedo, tanto che il celebrante – che aveva a fianco il pievano di Nimis, monsignor Rizieri De Tina – ha cominciato il rito dicendo: “Ma questa è una festa di alpini!”. D’addio, però, all’anziano ex combattente che se ne è andato poche settimane dopo la sua inseparabile e amata Mirella. E con i tanti di Tarcento, Nimis, Ramandolo e non solo – che si sono stretti attorno alle figlie Sonia e Sabrina – c’era anche il sindaco Mauro Steccati, in rappresentanza di tutta la cittadinanza che ha salutato l’ “Aquila” di Quota Cividale.

Il cavalier Guido Coos.

Don Corgnali ha avuto parole di elogio e sensibilità verso gli alpini sempre in prima linea anche in tempo di pace. “Don Rizieri – ha confidato – mi ha detto: chiedi agli alpini se si sentono più cristiani o alpini. E la risposta – ha sottolineato il parroco – ce la dà subito il Vangelo che abbiamo appena letto”. Il brano era quello di Matteo in cui Gesù, al momento del giudizio finale, sentenzia: avevo fame e mi avete dato da mangiare, avevo sete e mi avete dato da bere, ero forestiero e mi avete ospitato, e così via. “Ebbene – ha osservato l’arciprete – gli alpini fanno tutto questo, interpretando alla lettera la Parola di Dio. E Guido era uno di loro perché si è sempre prodigato per aiutare tutti”. Attraverso le associazioni dei reduci di Russia e l’appassionato sostegno ai viticoltori della sua Ramandolo, impegni che ha onorato fino a quando le forze lo hanno sorretto.

Un momento del rito: suona la tromba.

Il rito, scandito anche dalle Preghiere dell’Alpino e dell’Ex Combattente e Reduce, oltre che dai suggestivi interventi della tromba alla consacrazione e al momento del commiato, ha visto infine portare un saluto affettuoso all’amico “andato avanti” anche Guido Aviani a nome proprio del glorioso Battaglione Cividale. Il quale ha raccontato come il reduce della Campagna di Russia, in cui persero la vita tanti ragazzi friulani, avesse deciso soltanto in tarda età di raccogliere con un paziente e meticoloso lavoro le sue memorie in tanti preziosi scritti. E ha concluso con voce tonante: “Alpino Guido Coos del Battaglione Cividale. Presente!”. Era l’ultimo “mandi” a uno dei sicuramente pochissimi testimoni ormai rimasti di Quota Cividale, una fra le pagine più importanti, ma anche più dolorose, di quella tragica esperienza nella steppa in cui ghiaccio e neve regnano incontrastati. E il Tempio di Cargnacco testimonia quanti non siano tornati, se non in una cassetta di miseri resti.

La messa e l’uscita del feretro.

—^—

In copertina, monsignor Corgnali accompagna la salma all’esterno della chiesa arcipretale.

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento