(g.l.) Giornata di sopralluoghi anche a  Grado da parte dell’assessore regionale con delega alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, a seguito della recente ondata di maltempo. L’altra mattina, in stretto contatto con la Sala operativa regionale della Protezione civile (Sor), l’esponente dell’Esecutivo Fedriga ha infatti incontrato il commissario del Comune isolano, Augusto Viola, assieme ai referenti della Grado impianti turistici (Git), accompagnato dai funzionari della Protezione civile regionale.
«Abbiamo fatto un primo bilancio degli effetti causati da questa ennesima ondata di maltempo», ha detto al termine il vicepresidente Riccardi. Per quanto riguarda l’erosione dell’arenile di Grado – località che ha anche subito nuovamente il problema dell’acqua alta -, ha riferito che «si renderanno necessarie obbligatoriamente opere per il ripristino delle condizioni di utilizzo della spiaggia: la mareggiata ha compromesso infatti molti spazi, anche a livello di sedimi. Cercheremo di capire il valore economico degli interventi che serviranno per rimediare ai danni causati dalla violenza delle acque. Cercheremo di capire come agire in particolare in termini di procedura: la Protezione civile può scendere in campo nel merito di queste opere, infatti, per ragioni di incolumità delle persone».
«Il primo passo – ha aggiunto poi Riccardi -, dopo gli iniziali interventi di messa in sicurezza urgenti, sarà quello di capire con tutte le Direzioni regionali competenti, quale sia la migliore strada da percorrere, e dentro quale quadro si possano individuare tempi e modi di svolgimento delle opere: è evidente che gli spazi di manovra sono relativamente stretti. I lavori di cui parliamo sono senza dubbio di una certa rilevanza e il tempo che ci separa dalla prossima bella stagione è relativamente lontano».
«Per Grado – ha concluso l’esponente della Giunta Fedriga – ci raccorderemo naturalmente con il Comune e con la Git per cercare di capire come procedere e lo stesso faremo con tutte le altre Direzioni regionali competenti e coinvolte in questo nuovo fenomeno: è indubbio che ci troviamo di fronte a una situazione piuttosto complessa. Parliamo, infatti, di valori di cubi di materiale importanti. Raccoglieremo, pertanto, in ultima analisi, tutte le informazioni per poi cercare di dare una risposta che sia compatibile per garantire l’avvio di una stagione turistica estiva nei tempi previsti per il 2024».

—^—

In copertina, l’assessore regionale Riccardi con il commissario Viola a Grado.

Visits: 122

, , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento