(g.l.) “Pochi passeggeri, Ferrovie chiude i bagni nelle stazioni di Carnia, Cormons, Gemona, San Giorgio, Tarvisio Bosco Verde e Villa Opicina che sono sotto la soglia dei 500 viaggiatori al giorno: niente servizi igienici dal 1° gennaio”. Così Il Piccolo di Trieste titolava un articolo di Elena Placitelli il 9 gennaio 2012. Da oltre undici anni esiste, dunque, una situazione di disagio per i viaggiatori, seppure in numero ridotto, che frequentano queste stazioni, tanto da indurre Emanuele Franz – il filosofo di Moggio Udinese noto per le sue singolari, anche recenti, proteste – ad alzare la voce.
«Voglio denunciare – scrive pertanto Franz in una nota – la seguente situazione, facendo presente che ho mandato due reclami: alla società che gestisce il trasporto pubblico locale e a Trenitalia ottenendo zero risposte. Faccio appello al governatore della Regione e al Ministro dei trasporti. Mi avevano detto tempo fa che i bagni erano chiusi perché costava troppo pagare il personale per la pulizia, però per aumentarsi gli stipendi quello non è un problema, mentre anziani e utenze disagiate rimangono senza alcuna dignità, gente che da Roma e Trieste non sa nemmeno dove si trovi Carnia. Ultimo treno per Carnia per soli due minuti non è in coincidenza con ultima corriera da Carnia a Tarvisio lasciando utenze nel deserto senza alcun servizio essenziale. Una vergogna della società civile. Una stazione dei treni senza servizi igienici in Friuli. Un degrado inconcepibile in Alto Friuli: utenze lasciate nel degrado più assoluto. Mentre il mondo lavora all’intelligenza artificiale e al “biglietto digitale” si sacrifica la dignità umana».

—^—

In copertina, la stazione ferroviaria di Carnia in Comune di Venzone; qui sopra, il filosofo Emanuele Franz di Moggio.

Visits: 30

, , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento