(g.l.) Nuova presa di distanza di Civibank dalla Cassa di Risparmio di Bolzano in merito alla questione Opa, ritenuta «ostile» e che in questi mesi ha fatto tanto discutere negli ambienti finanziari del Friuli Venezia Giulia. Ecco, dunque, quanto si afferma in un comunicato della storica Banca di Cividale, a proposito degli ultimi sviluppi, che vista la delicatezza della materia riportiamo integralmente:

«In riferimento alle dichiarazioni – e ai toni delle stesse – dei vertici di Sparkasse spa citate e riportate da agenzie di stampa e quotidiani, che potrebbero far sorgere dubbi sulla solidità della nostra Banca, Civibank si trova nell’obbligo di precisare quanto di seguito:
Civibank è una realtà bancaria con una storia lunga 136 anni, redditizia e solida come dimostrato dai recenti dati positivi comunicati ufficialmente in data 11 febbraio 2022, con un utile netto di 14,1 milioni di euro (+108,2%) che certifica una conduzione e gestione dell’istituto assolutamente positiva e coerente con le politiche di banca del territorio.
Ulteriore prova della solidità di Civibank, è data dall’indicatore di solidità patrimoniale CET1, che si attesta al 31/12/2021 al 16,4%, superiore al CET1 dello stesso periodo di Sparkasse (14,8%).
Inoltre Civibank ha reso ancor più concreta la virtuosità del percorso intrapreso, proponendo, con riferimento all’utile realizzato nel 2021, la distribuzione di un dividendo pari a 0,20 euro ad azione.
Civibank dall’11 maggio 2021 è una società benefit, che oltre agli obiettivi economici e finanziari persegue finalità di beneficio comune operando in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente e altri portatori di interesse.
Da soli questi dati dimostrano che l’opposizione di Civibank all’Opa è fondata su dati e fatti e non “solo parole” o desiderio di avere una governance per “ottenere poltrone”, atteggiamento di mancanza di rispetto delle persone, oltre che dei ruoli, anche se oppositori.
Sono quindi incomprensibili e contraddittorie le citate espressioni dei vertici di Sparkasse di una Civibank che potrebbe “essere in affanno senza Sparkasse e Friulia” o addirittura rischi di “schiantarsi” dentro il mercato, diventando preda di grandi banche. Contraddicendosi e rivelando invece che la realtà cividalese rappresenta un appetibile partner sul mercato bancario.
Ulteriormente desideriamo far notare che affermare e difendere la propria indipendenza non è “polemica” e che l’autonomia è di per se stessa un contenuto ed un valore, se compresa, rispettata e coerente con la società del territorio d’appartenenza. Tali ragioni sono state ampiamente argomentate nel documento del Cda di Civibank a supporto della presa di posizione contro l’Opa, diffuso la scorsa settimana.
A fronte di quanto sopra riportato, vengono ribadite e rafforzate le ragioni che hanno portato Civibank a ritenere l’Opa ostile e di dover proporre una visione diversa sul futuro della Banca nel corretto rispetto del Friuli, del Veneto, dell’intero Nordest».

—^—

In copertina, ecco un’immagine della modernissima sede centrale di Civibank.

Hits: 100

, , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento