Il 76% dei genitori, lo scorso anno, ha detto di sì al friulano a scuola per i propri figli, come mostrano i dati dell’Ufficio Scolastico Regionale. Qualcuno potrebbe domandarsi il perché di questa scelta, fatta oggi, in un mondo globalizzato. La risposta, secondo l’Agenzia Regionale per la Lingua Friulana,  è semplice: è sempre più radicata la consapevolezza dei vantaggi cognitivi, sociali e culturali di un’educazione plurilingue, come peraltro dimostra la ricerca scientifica. Un esempio su tutti? Un bambino che studia il friulano impara meglio anche l’inglese. Da non trascurare, poi, una maggiore capacità di apprendimento e velocità di comprensione, maggiori abilità logico-matematiche e creative, ma pure di adattamento, una più ampia apertura verso l’altro e molto ancora.
In Friuli, tutti i bambini – osserva ancora l’Arlef – hanno l’opportunità di apprendere la lingua del territorio in maniera naturale. Al momento dell’iscrizione alla scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, si può scegliere l’insegnamento del friulano per tutta la durata del ciclo scolastico: parliamo di almeno 30 ore all’anno, secondo quella che a livello europeo è riconosciuta come la metodologia didattica più efficace e all’avanguardia, l’Insegnamento Integrato di Lingua e Contenuto e senza sottrarre ore ad altre materie. La legge prevede infatti che sia inserito nel 20% del curriculum individuato dalle scuole in autonomia. La scelta viene fatta al momento dell’iscrizione sul portale del Miur https://www.istruzione.it/iscrizionionline/ ma è possibile rivolgersi anche alla segreteria della scuola per maggiori delucidazioni.
Proprio in vista della scadenza dell’ormai imminente iscrizione scolastica, il prossimo 25 gennaio, per meglio illustrare i vantaggi di questa scelta, l’Arlef ha realizzato un’utile guida: “Crescere con più lingue”, scaricabile dal sito www.arlef.it, arricchita dalla testimonianza di docenti e di importanti esperti, tra cui Luca Melchior, linguista e professore dell’Alpen-Adria Universität di Klagenfurt specializzato proprio in plurilinguismo. Dai dati raccolti emerge come un bambino che cresce studiando il friulano impara prima a leggere, dispone di una grande attenzione selettiva e ha maggiore facilità nel passare da un compito all’altro. Ma non solo. Il plurilinguismo contribuisce alla salute del cervello (che si mantiene giovane ed elastico, ritardando i rischi di demenza e Alzheimer) e migliora opportunità per la vita privata e per il successo professionale (per le loro competenze linguistiche e le abilità gestionali e relazionali, i lavoratori plurilingui sono più ricercati e guadagnano di più dei monolingui). Un altro aspetto da non trascurare è poi l’importanza di sostenere la scelta anche in famiglia. Anche di questo parla la guida che offre molti utili consigli sulle strategie linguistiche più idonee da usare, quale il metodo “una persona-una lingua” (quando un solo genitore conosce il friulano, ciascun genitore parlerà al figlio sempre e solo nella lingua che conosce) e il metodo “lingua della famiglia” (quando tutti e due i genitori conoscono il friulano, parleranno al figlio sempre in friulano, passando all’italiano solo quando necessario).

Il testo in lingua friulana

Il 76% dai gjenitôrs, l’an passât al à dit di sì al furlan a scuele pai propris fîs, daûr di ce che a mostrin i dâts dal Ufici Scolastic Regjonâl. Cualchidun al podarès domandâsi il parcè di cheste sielte, fate in dì di vuê, intun mont globalizât. La rispueste e je semplice: la cussience dai vantaçs cognitîfs, sociâi e culturâi di une educazion plurilengâl, cemût che e dimostre la ricercje sientifiche, e je simpri plui inlidrisade. Un esempli su ducj? Un frut che al studie il furlan al impare miôr ancje l’inglês. Di no trascurâ, po dopo, une plui grande capacitât di aprendiment e une velocitât di comprension, plui abilitâts logjichis e matematichis e creativis, ma ancje di adatament, une viertidure plui largje par chei altris e pal mont e tant altri di plui.
In Friûl, ducj i fruts a àn la oportunitât di imparâ la lenghe dal teritori in maniere naturâl. Tal moment de iscrizion ae scuele de infanzie, primarie e secondarie di prin grât, si pues sielzi l’insegnament dal furlan par dute la durade dal cicli scolastic: o fevelìn di almancul 30 oris ad an, daûr di chê che a nivel european e je ricognossude tant che la metodologjie didatiche plui eficace e ae avanvuardie, o ben l’Insegnament Integrât di Lenghe e Contignût e cence gjavâ oris a altris materiis. La leç e previôt di fat che al jentri tal 20% dal curriculum individuât in autonomie des scuelis. La sielte e ven fate tal moment de iscrizion sul portâl dal Miur https://www.istruzione.it/iscrizionionline/ ma al è pussibil indreçâsi ancje ae segretarie de scuele par vê plui informazions.
Propit in viste de scjadince de iscrizion a scuele, ai 25 di Zenâr, par sclarî miôr i vantaçs di cheste sielte, la Arlef – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e à realizât une vuide utile: “Cressi cun plui lenghis”, che si pues discjamâ dal sît www.arlef.it, insiorade de testemoneance di docents e di esperts impuartants, tra chescj Luca Melchior, linguist e professôr de Alpen-Adria Universität di Clanfurt specializât propit in plurilinguisim. Dai dâts cjapâts sù al ven fûr cemût che un frut che al cres studiant il furlan al impare adore a lei, al dispon di une atenzion seletive plui grande e al passe cun plui facilitât di un compit a di chel altri. Ma no dome: il plurilinguisim al jude la salût dal cerviel (che si manten zovin e elastic, ritardant i risis di demence e di Alzheimer) e al puarte in miôr lis oportunitâts pe vite privade e pal sucès professionâl (i lavoradôrs plurilengâi a son plui ricercjâts e a vuadagnin di plui di chei monolengâi par vie des lôr competencis linguistichis e des abilitâts gjestionâls e relazionâls). Un altri aspiet di no lassâ di bande al è, po dopo, la impuartance di sostignî la sielte ancje in famee. Ancje di chest e fevele la vuide che e ufrìs conseis une vore utii su lis strategjiis linguistichis plui justis di doprâ, tant che il metodi “une persone-une lenghe” (cuant che dome un dai gjenitôrs al sa il furlan, ogni gjenitôr al fevelarà al fi simpri e dome inte lenghe che al cognòs) e il metodi “lenghe de famee” (cuant che ducj i doi i gjenitôrs a san il furlan, a fevelaran al fi simpri par furlan, passant al talian dome cuant che al covente).

Hits: 136

, , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento