Ancora una volta Medici senza Frontiere partecipa al Festival vicino/lontano Premio Terzani, che accompagna ormai da dieci edizioni. Appuntamento fino a domani a Udine, con tre incontri che toccheranno diversi temi, dalle epidemie di Ebola in Africa e di colera in Yemen alle sfide e i successi dell’azione umanitaria in contesti di emergenza, come la Repubblica Centrafricana e il Sud Sudan.
Stamani, alle 11.30, nell’Oratorio del Cristo in Largo Ospedale Vecchio 10/2, si terrà l’incontro di approfondimento “Vecchie e nuove epidemie. La scienza non basta”, con il medico Nevio Zagaria, che ha lavorato per oltre 20 anni con l’Oms, e Roberto Scaini, medico impegnato dal 2011 con Msf in diversi contesti di emergenza, con la moderazione del genetista Michele Morgante.
Scaini racconterà la sua esperienza in prima linea nelle emergenze Ebola che hanno colpito tre paesi dell’Africa Occidentale nel 2014 e la Provincia dell’Equatore nella Repubblica Democratica del Congo da maggio a luglio del 2018. Sempre in RdC è ancora in corso una nuova epidemia scoppiata nell’agosto scorso nella Provincia del Nord Kivu, con 1.400 casi registrati e 890 morti negli ultimi 9 mesi. Scaini, parlerà anche di epidemie in contesti di guerra come lo Yemen, da cui è rientrato recentemente, dove nei primi tre mesi del 2019 i casi di colera sono aumentati fino a oltre 7.000.

“La guerra oggi è causa di epidemie che credevamo scomparse, come il morbillo, ed è un ostacolo per la risposta ad epidemie sia vecchie che nuove”, spiega Roberto Scaini.  “In Yemen, ad esempio – prosegue -, servono campagne di vaccinazione per evitare epidemie di malattie prevenibili, ma il conflitto ha danneggiato o distrutto metà degli ospedali e reso i farmaci praticamente introvabili”.
Se le realtà in cui si trova ad operare Msf sembrano spesso molto lontane, bella l’occasione del mattino di domani, alle 9.30,per una conversazione più ravvicinata con Claudia Lodesani, presidente di Msf Italia, alla colazione organizzata al Caffè Contarena in via Cavour 1 e moderata dal giornalista Lorenzo Marchiori. Claudia Lodesani, medico infettivologo, dal 2002 con Msf, racconterà la sua esperienza sul campo in grandi emergenze come l’Ebola e lo tsunami, i conflitti in Yemen e Repubblica Centrafricana, o i contesti dimenticati come la Repubblica Democratica del Congo o il Sud Sudan, fino ai progetti sulla migrazione in Italia. Quindici anni di impegno fatto di tante sfide e dilemmi.

Il dottor Roberto Scaini.

“Per chi fa questo lavoro è importante riuscire a conservare l’entusiasmo anche nelle situazioni più difficili”, spiega Claudia Lodesani, presidente di Msf Italia “Non è facile vedere le cose in maniera positiva mentre si risponde ad un’epidemia o si opera in un paese in guerra. Ma quando vedi un bambino che guarisce, sai che stai facendo la cosa giusta e non c’è altro posto in cui vorresti essere”.  Né le avventure della scienza né le battaglie per la libertà sarebbero state possibili senza il concorso di qualche forma di entusiasmo. Di questo si parlerà domani, alle 16, nell’ex chiesa di San Francesco, nell’incontro “Le vie dell’entusiasmo”, un viaggio emozionale raccontato attraverso l’esperienza di mondi diversi a confronto, quello dell’impegno umanitario, della cultura e della scuola con Claudia Lodesani, presidente di Msf, Angelo Floramo, medievista e scrittore ed Eugenia Canfora, dirigente scolastica. A animare questo dibattito sull’entusiasmo, quale slancio che permette di dare ai progetti individuali e collettivi l’energia per tradursi in azioni efficaci, Pietro del Soldà, filosofo e conduttore della trasmissione quotidiana di Rai Radio 3 “Tutta la città ne parla”.

In Largo Ospedale Vecchio, fino a domani, dalle 10 alle 19 è aperta la Casetta Info Point Msf, dove è possibile trovare ulteriori materiali informativi sulle attività di Medici Senza Frontiere e provare la #MSFExperience, un viaggio tra alcuni dei progetti sul campo di Msf, attraverso l’ausilio di visori a 360° con realtà aumentata.
Durante l’epidemia di Ebola in Africa Occidentale nel 2015 sono state contagiate 28.646 persone. Msf è stata in prima linea fin dai primi giorni dell’epidemia, impiegando fino a 4.000 operatori nazionali e 325 internazionali, di cui oltre 70 italiani. Per rispondere all’attuale epidemia nella regione del Nord Kivu in Repubblica Democratica del Congo, Msf è presente a Kayna e Lubéru, nei due Centri di isolamento per l’Ebola nelle città di Bwanasura e Bunia, nella provincia di Ituri. A Goma, Msf supporta la preparazione alle emergenze, rafforzando il sistema di sorveglianza epidemiologica e garantendo l’adeguato isolamento dei casi sospetti.
In Yemen è in corso il più grande intervento di Msf in una zona di conflitto, con più di 2.200 operatori internazionali e locali che lavorano in 12 ospedali e centri sanitari, fornendo supporto a oltre 20 strutture in 11 governatorati. Da marzo 2015 a dicembre 2018, le équipe di Msf hanno eseguito 81.102 interventi chirurgici, fornito cure a 119.113 feriti di guerra, fatto nascere 68.702 bambini e curato più di 116.687 casi sospetti di colera.

Claudia Lodesani in Burundi.

—^—

In copertina, il dottor Scaini mentre visita un bimbo in Yemen.

, , , , , , , , , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento