di Giuseppe Longo

NIMIS – Primi giorni del 2023 molto tristi a Nimis che piange la improvvisa scomparsa di Luigi Alberto Trevisan, a 73 anni. Ha chiuso gli occhi proprio la sera di Capodanno, dopo una bellissima giornata di festa, a San Silvestro, nella sua frequentatissima “frasca” di via San Gervasio dove si erano ritrovati in tanti per salutare il vecchio anno e per dare il benvenuto a quello nuovo. Ma il  duro destino ha voluto che quel momento di allegria si trasformasse in dolore, spegnendo il sorriso di Alberto e di coloro, e sono moltissimi, lo conoscevano e lo apprezzavano. Lo si è visto ieri sera al Rosario recitato in suo suffragio nell’antica Pieve che sorge proprio dinanzi alla sua casa: una Chiesa gremita che gli ha voluto dare un primo saluto, presente anche il sindaco Giorgio Bertolla. Quello che, come è tradizione, precede il funerale annunciato per domani pomeriggio, alle tre, ancora nella piccola Comparrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio, che si rivelerà senza dubbio del tutto insufficiente a contenere la folla che vorrà salutare l’amico di tutti e stringersi attorno alla moglie, ai figli e agli amati nipoti. Alberto aveva infatti un carattere solare, aperto, generoso, disponibile, sempre pronto alla battuta: lo dimostra, appunto, il successo della sua “privata”. Un volto che mancherà sicuramente nella mescita che apriva a Ferragosto e chiudeva poco prima di Natale per fine stagione, come era avvenuto il 17 dicembre scorso, quando c’era stata un’altra bella festa, simile a quella della serata inaugurale.
Ma Luigi Alberto Trevisan mancherà anche allo sport, quello delle arti marziali, settore che ha sempre praticato con impegno, contagiando anche i figli con la sua stessa grande passione. Toccante il ricordo che ne traccia Stefano Stefanel: «Con lui ho condiviso momenti importanti della vita. È stato tra i primissimi a credere nel Judo Kuroki portando tra noi i suoi due figli Paolo e Marco. Ci siamo “beccati” tutta la vita e ci siamo voluti molto bene. Aveva iniziato judo con me a Tricesimo alla fine degli anni Settanta. Poi il Kuroki. I molti Capodanno insieme a casa sua e di Oriana. La sua carriera di arbitro. Il Judo a Nimis. Piango un amico e un fratello. Una persona buona e onesta. Un entusiasta. Un uomo autentico». Infine, Stefanel ricorda che Luigi Alberto Trevisan, classe 1949, era nato a Cahors in Francia e che nel 2010 l’allora presidente Matteo Pellicone gli ha riconosciuto il grado 4° dan e la qualifica di arbitro benemerito. E conclude: «Alla moglie Oriana, ai figli Marco e Paolo e a tutti i familiari le più sentite condoglianze da parte dell’intera comunità Fijlkam Fvg». Alle quali si associano anche quelle di tutta Nimis.

—^—

In copertina, Luigi Alberto Trevisan scomparso improvvisamente a 73 anni.

 

Hits: 2958

, , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it