Un messaggio di speranza rivolto al futuro da alcuni degli edifici storici, spesso poco noti, del Friuli Venezia Giulia: il settore dei matrimoni deve fare i conti, duramente, con l’emergenza Covid-19, ma da Casarsa della Delizia arriva un progetto che offre alle promesse spose dei meravigliosi abiti potendo fare, nel contempo, scegliendoli, anche del bene. Si tratta del progetto “Sposa solidale” (che offre anche bomboniere) messo a punto dalla cooperativa Il Piccolo Principe per raccogliere fondi a favore dell’associazione Il Noce Onlus che si occupa di minori. «”Sposa solidale” – fa sapere Livio Castellarin, responsabile del progetto – può contare sul supporto di atelier di abiti da sposa che hanno cessato la propria attività e hanno scelto di donare tutti i loro abiti a noi e all’associazione di volontariato il Noce. Tutti i capi e gli accessori che sono stati e vengono tuttora donati sono nuovi e di ottima fattura, tutti diversi uno dall’altro. Le future spose possono vederli liberamente, sceglierli, provarli e fare una donazione a favore dell’Onlus”. Per avere un appuntamento, basta telefonare al numero 339.5353108.

In posa a Provesano…

… e a Valeriano.

Ma per suscitare interesse tra le spose, la cooperativa sociale casarsese si è inventata anche un’interessante iniziativa comunicativa visibile sui social network che lega gli abiti da sposa, appunto, ad alcuni edifici storici o a paesaggi del Friuli Venezia Giulia. «Abbiamo creato una pagina Facebook Sposa Solidale e un profilo Instagram dedicato – aggiunge Castellarin – dove stiamo fotografando alcuni modelli di abiti, indossati dalle nostre volontarie, ambientandoli nei luoghi più magici del Friuli Venezia Giulia. Una sorta di viaggio che valorizza i vestiti da sposa, ma anche promuove in chiave turistica il nostro patrimonio storico, culturale e paesaggistico».
Un racconto sui social che è diventato così una vetrina: le spose interessate possono infatti, visitando le pagine Facebook e Instagram dedicate, già selezionare i modelli di abiti da sposa solidali preferiti tra quelli indossati dalle volontarie, per poi arrivare già orientate al momento della scelta. E oltre a fare del bene, perché il ricavato delle donazioni pro abito da sposa poi, come detto, verrà devoluto all’associazione Il Noce, potranno anche risparmiare denaro.

Alla Pieve di Nimis…

«Si tratta di abiti nuovi, di pregio – specifica ancora Castellarin – realizzati da sartorie italiane. Noi chiediamo solo un’offerta e quindi anche le spose che non hanno a disposizione grandi cifre per acquistare l’abito dei loro sogni, potranno comunque avere un abito unico e prezioso, che in più è anche solidale. Scegliendo uno di questi abiti non si corona solo il proprio sogno, ma anche quello dei volontari dell’associazione Il Noce che potranno continuare a promuovere tanti progetti di solidarietà a favore di bambini e famiglie fortemente rallentati dalla pandemia».
«Ringrazio la cooperativa Il Piccolo Principe per questa iniziativa – afferma Luigi Piccoli, presidente dell’associazione di volontariato Il Noce, commentando la bella iniziativa – in tempi in cui non è possibile organizzare i consueti appuntamenti per la raccolta fondi vitale per le attività dell’associazione dedicate ai bambini e dunque iniziative come queste sono per noi vero “ossigeno”. Mi piace poi pensare che il sogno della sposa in qualche modo si realizza partecipando al sogno del Noce, il cui motto è proprio “Se uno sogna solo è soltanto un sogno, se molti sognano insieme è l’inizio di qualcosa di nuovo”».

… e a Villa Ottelio ad Ariis.

Oltre alle prove su appuntamento, la cooperativa sociale ha anche deciso di aprire al pubblico i laboratori del proprio Centro Socio-occupazionale in due giornate (con ingresso contingentato e rispettoso delle disposizioni anti contagio). Il 14 e il 15 novembre, dalle 9 alle 18, sarà possibile visitare la sede del centro in via Vittorio Veneto 22, a Casarsa, nel quale sarà esposto un assortimento di abiti da sposa donati da atelier specializzati al fine di sostenere progetti di solidarietà. All’interno del progetto anche la possibilità di scegliere bomboniere solidali per il proprio matrimonio. Al Centro socio-occupazionale, per persone con disabilità, vi è infatti un laboratorio di ceramica, dove vengono creati oggetti proposti per le bomboniere solidali, poi confezionati con cura dalla Bottega Il Piccolo Principe. Sarà inoltre possibile ammirare l’esposizione di piante solidali della fattoria sociale La Volpe sotto i Gelsi che molte coppie scelgono come “bomboniera” green ed etica.

—^—

In copertina con gli abiti da sposa “solidali” davanti alla splendida Villa Manin di Passariano e qui sopra al Castello di Caneva.

 

Hits: 178

, , , , , , , , ,
Similar Posts
Latest Posts from friulivg.it

Lascia un commento